trovaci su altre piattaforme:   

home»MUSEI»Museo della Civiltà Rurale della Val Leogra

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile

Malo

Museo della Civiltà Rurale della Val Leogra

la mostra permanente

“Contadino: scarpe grosse, cervello fino” recita il proverbio. Ma chi era il contadino? Come viveva?
Un passato non lontano nel tempo, ma radicalmente diverso nel modo di vivere della gente, svela i suoi segreti in una raccolta di 1200 tra oggetti che dipingono un paesaggio umano oggi scomparso.

Il mondo rurale che ci figuriamo è spesso ricco di rappresentazioni sterotipate: la vita nel passato non era solo fatica, povertà, stenti. Il Museo vuole illustrare la vita del mondo contadino, dal punto di vista dei protagonisti, di quanti lo hanno vissuto in prima persona.

Il mondo rurale è documentato per registrare i cambiamenti costanti della società, e per mantenere il patrimonio culturale che appartiene alla gente di oggi, in modo che le generazioni future possano capire e orientare le proprie azioni conoscendo il passato.

Il Museo rappresenta la complessità del mondo rurale, delle sue attività, delle sue conoscenze e tradizioni, attraverso i suoi lasciti materiali: oltre 1200 oggetti tra utensili e macchinari.
Due sezioni, organizzate in spazi distinti, illustrano le diverse attività praticate e l’evoluzione delle attrezzature stesse.

La bellezza di questo piccolo Museo sta nell’essere cresciuto negli anni, grazie al contributo di numerosi contadini che hanno donato la maggior parte degli oggetti e dei macchinari esposti.
Un ricordo e un ringraziamento particolare vanno al dott. Ernesto Bressan che ha sensibilizzato le persone verso quegli aspetti del mondo rurale destinati ad un rapido abbandono nel contesto odierno.

 

torna alla pagina del museo...
condividi Condividi