trovaci su altre piattaforme:   

home»Articoli»Madonna della Neve (località Campipiani presso Priabona)

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile

Monte di Malo

Madonna della Neve (località Campipiani presso Priabona)

Natura e scienza

DURATA

3,5 ore con accompagnatore
difficoltà

Difficoltà

Il percorso è adatto a tutti, purché allenati a camminare; non è percorribile con i passeggini; richiede calzature da sentiero impervio; è ammessa la presenza di cani purché al guinzaglio.
Si rilevano 145 metri di dislivello.

difficoltà

Info

Percorso privo di segnaletica.
Dal culto alla Madonna della Neve e fsteggiamenti in suo onore è nata dal nulla la tradizionale “sagra” che ai nostri giorni accoglie la presenza di migliaia di persone ogni anno.


Descrizione dell'itinerario

L’escursione permette di approfondire le peculiarità geologiche, botaniche, toponomastiche, etnologiche, storiche, mitologiche di questo territorio immersi in un paesaggio incantevole.

 ... leggi tutto

L'ITINERARIO IN BREVE

natura

Elementi di interesse naturalistico

Tra gli elementi di interesse geologico e paleontologico, segnaliamo la presenza della Grotta e del torrente Poscola (visitabili su richiesta); i prismi esagonali di basalto e le bombe vulcaniche; il Buso del Lucio: una piccola grotta soffiante che lascia stupefatti; si passa anche nei pressi del sito di ritrovamento di un eccezionale fossile, un pesce volante unico in Europa del suo genere.

Il lavoro della terra, a cui gli abitanti del luogo sono strettamente legati, fa dell’ambiente un’oasi ben conservata che lascia al visitatore un ricordo indelebile, invito a ritornare e a mantenere incontaminati questi luoghi.

 

arte e storia

Elementi di interesse etnografico, storico e artistico

Il percorso è occasione per rievocare la presenza  dei Longobardi, di cui si sono ritrovati rari ma significativi reperti riferibili al loro passaggio. Più importanti le tracce visibili di un antico monastero del XIV° secolo che ha dato il via all’insediamento dei cimbri. Proprio grazie alla devozione dei monaci è stato costruito l’oratorio dedicato alla Madonna della Neve, sulle rovine di un precedente luogo di culto di dimensioni molto ridotte.

Questi sentieri portano poi anche ricordi della Grande Guerra, attraversando strade, gallerie, trincee e postazioni, che diventano occaisone per raccontare quanto la tradizione orale tramanda tanto della prima che della seconda Guerra mondiale, quando questi luoghi diventavano perfetti rifugi per sfuggire ai rastrellamenti nazifascisti.

percorsi guidati

Percorsi guidati

Aldo Xotta Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | 0445 589187 oppure 340 166 4962 (solo WhatsApp)
Museo Priaboniano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendariato: si - con accompagnatore – partecipazione libera.

 



 

condividi Condividi