torna ai musei

Museo Storico Militare Forte di Punta Corbin

Roana
Il forte di Punta Corbin è una fortezza italiana della Prima Guerra Mondiale costruita sull’Altopiano dei Sette Comuni, dove si è combattuta la Grande Guerra, luogo fondamentale per la memoria di quelle pagine di storia, e ora è aperto al pubblico come museo. Questo sito testimonia e documenta la vita dei soldati durante il conflitto e consente di comprendere come la guerra abbia mutato per sempre il paesaggio e l’esistenza delle persone. Riconosciuto dalla Soprintendenza di Verona come museo storico militare, è l’unico forte dell’Altopiano recuperato e musealizzato a scopo didattico. Al suo interno ospita una mostra permanente di reperti rinvenuti sul posto, di documenti, così come frammenti di diari e fotografie d’epoca.
La visita
La visita del forte permette di comprendere come vivevano i soldati in tempo di guerra, ma anche di cogliere concretamente gli effetti che la guerra ha avuto sull’ambiente, sulla struttura sociale e sulla popolazione. Si suggerisce di visitare la fortezza in tutti i suoi spazi, per meglio comprenderne la struttura e la funzionalità, e quindi entrare al Museo per osservare documenti, immagini e oggetti relativi all’epoca e alle vicende della guerra. Sono possibili visite guidate condotte dai proprietari del forte, che in questi anni hanno studiato e approfondito la storia della Grande Guerra e in particolare gli avvenimenti che hanno coinvolto Forte Corbin e l’Altopiano. La visita guidata dura in media 1 ora e 30 minuti. Le visite sono strutturate in maniera diversa a seconda del tipo di pubblico: bimbi, famiglie, studenti, adulti, esperti.
La storia
Chiudi

Il Forte di Punta Corbin è una fortezza italiana della Prima Guerra Mondiale che rientrava tra le strutture della linea fortificata costruita all’inizio del ‘900 sull’Altopiano di Asiago. Attivo solo nel primo anno di combattimento, il Corbin ebbe un ruolo marginale nello svolgersi delle vicende belliche, fu occupato dalle truppe austroungariche durante la Strafexpedition del 1916 e poi ripreso dagli italiani. Alla fine del conflitto fu usato per addestramenti e in seguito abbandonato. Nel corso del ‘900 fu depredato dai “recuperanti”, fu venduto dal Demanio e acquistato nel 1942 dalla famiglia Panozzo che, dal 1982 a oggi, ne cura il recupero. Nel corso degli anni i proprietari hanno realizzato un restauro di tipo conservativo, mantenendo il forte nelle condizioni il più possibile fedeli all’originale, e per questo è stato apprezzato anche come scenario di documentari storici. Nel 2009 la musealizzazione del forte si è ulteriormente sviluppata con la pubblicazione di una guida specifica sul Corbin adatta a tutti i tipi di visitatori.

Frequenti lavori di manutenzione hanno fatto sì che molti reperti emergano dalle macerie e vadano ad arricchire la collezione in mostra.

La quantità di oggetti, fotografie e documenti rinvenuti negli anni ha indotto i proprietari ad allestire un nuovo e più grande museo, inaugurato nell’estate 2011.

Luglio e Agosto: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.

Aprile, Maggio, Giugno, Settembre, Ottobre, Novembre: domenica dalle 10.00 alle 18.00.

Aperto anche nei giorni festivi (Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, 8 settembre…) e d’inverno in assenza di neve: telefonare per conferma.

Visite guidate e aperture infrasettimanali su appuntamento.

€ 5,00 intero;

€ 3,00 ridotto (bambini, scolaresche e gruppi oltre 20 persone)

Le visite guidate sono condotte da un operatore qualificato, che adegua il percorso e i contenuti in base a quanto concordato al momento della prenotazione. La vista comprende il corpo di guardia, i camminamenti, le polveriere, gli alloggi degli ufficiali, la batteria per cannoni, il bastione, il forno e i magazzini, le trincee scoperte e coperte.

Tel. 349 268 5543

Email: fortecorbin@tiscali.it

sito web: www.fortecorbin.it

come raggiungerci
Servizi disponibiliBarWCAccesso disabili motori parzialeParcheggioBookshopArea ristoro