torna agli itinerari

Il monte Cimone e l’Ossario

Il monte Cimone costituì durante l'Offensiva Austroungarica di Primavera, uno degli ultimi baluardi contro l'avanzamento degli imperiali. Il picco aspro e dirupato costituiva un prezioso osservatorio sulla valle dell’Astico e, nello stesso tempo, un formidabile baluardo incuneato tra le postazioni italiane; le vicende del monte Cimone resteranno memorabili nella storia della guerra non solo per l'estrema difficoltà della sua conquista, ma anche, e soprattutto, per la grandiosa mina fatta esplodere dagli austro-ungarici. Nelle settimane successive al 23 luglio, infatti, vista l'impossibilità di entrambi i contendenti di occupare le postazioni avversarie, il Comando dell’11a Armata austro-ungarica ordinò a quello della 3ª divisione “Edelweiß” di riconquistare la cima distruggendo la trincea italiana con una mina.
La visita
Della sanguinosa vicenda del monte Cimone sono visibili, ancora oggi, testimonianze eloquenti e proprio in quel luogo consacrato dal sangue dei caduti, italiani e austriaci, sorge oggi la tomba monumentale, progettata dall'ing. Thom Cevese e inaugurata il 22 settembre 1929 dall'allora principe Umberto di Savoia. Partendo dal centro di Tonezza del Cimone si può percorrere un itinerario facile e adatto a tutti, rivolto alla riscoperta di quanto avvenne durante il conflitto. Tappe: cimitero austro-ungarico, il bosco, l'Ossario, Quota Neutra.
Approfondimento

Tappe e percorso georeferenziato nella app Musei Altovicentino per Android e iOS

Durata del percorso : 2 ora da Tonezza

Pendenza: 6,4 – 9,3 %

Difficoltà: Facile/medio o T (turistico) secondo la scala CAI

Periodo consigliato: tutto l’anno

come raggiungerci
Vedi tuttiMostre ed Eventi
Commemorazione dei fatti del Monte Cimone
Settembre
20
 
Commemorazione a ricordo degli avvenimenti bellici della prima guerra mondiale alla cui cerimonia partecipano, oltre che alle autorità civili, militari e religiose, un numeroso pubblico con una delegazione dei Fucilieri […]