trovaci su altre piattaforme:   

home»Articoli»Articoli con categorizzati»ATTIVITA’ DIDATTICHE WEEKEND SABATO 25 LUGLIO – DOMENICA 19 LUGLIO 2020

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile

ATTIVITA’ DIDATTICHE WEEKEND SABATO 25 LUGLIO – DOMENICA 19 LUGLIO 2020

SABATO 25 luglio 2020
ore 16:30/18:00

si terrà un laboratorio ludico-didattico
a cura dell'Operatrice Museale Lucia Spolverini

Si ricorda di prenotare entro le ore 18:00 del giorno precedente, venerdì 22 luglio 2020 per poter organizzare i gruppi di bambini in modo sicuro a tutela del contagio COVID 19.

“EDUCAZIONE VISIVA E CONCETTUALE DELLE IMMAGINI PITTORICHE E GRAFICHE TRADOTTE IN MATERIA”

L’educazione visiva e concettuale si tratta di una disciplina che attraverso l'insegnamento del Disegno e delle Tecniche artistiche, unitamente alla Storia dell'arte e all'Educazione visiva, vuole avviare l'alunno alla composizione di elaborati grafici, sulla base delle tecniche artistiche studiate e le nozioni di Educazione visiva, più precisamente in quest'ultimo caso si tratta dello studio della composizione (assiale, simmetrica, asimmetrica, concentrica) e dei codici visivi (la linea, il colore, la luce, l'ombra, ecc.), che il bambino studia e analizza anche attraverso l'insegnamento di Storia dell'arte.
Sempre parte della materia è pure lo studio del valore "linguistico" dell'immagine, storico, religioso, politico, estetico, e di tutti gli altri valori di cui l'opera d'arte è portatrice, per favorire nel bambino la libera espressione, stimolando la fantasia, attraverso l'appropriarsi anche di mezzi tecnici-espressivi.
Tra gli altri compiti importanti dell’Arte e Immagine è di sensibilizzare il bambino al rispetto dei patrimoni storico-artistico italiano e, infine, sviluppare anche un sentimento di orgoglio: QUESTO E' IL LINGUAGGIO GRAFICO E PITTORICO.

DOMENICA 26 luglio 2020
ore 10:30/12:00

si terrà un laboratorio ludico-didattico
a cura dell'Operatrice Museale Lucia Spolverini

Si ricorda di prenotare entro le ore 18:00 del giorno precedente, sabato 25 luglio 2020 per poter organizzare i gruppi di bambini in modo sicuro a tutela del contagio COVID 19.

“COME SI REALIZZA UN ACRILICO SU TELA?”

La pittura acrilica è una tecnica pittorica nata in epoca relativamente recente.
Le vernici sono prodotte con polveri colorate (pigmenti) mischiate con una resina acrilica (quasi esclusivamente di origine chetonica) di essiccazione variabile, generalmente veloce, a seconda delle resine, dei pigmenti e della fabbrica produttrice.
I supporti possono essere i più disparati, dai fogli da disegno (tipo Bristol), al cartone, alla tela, al cartone telato, ai supporti di legno (anche compensato). Sono usati, oltre che per l'esecuzione di dipinti, per la decorazione muraria e quella degli oggetti più disparati, la loro buona resistenza unita alla relativa economicità e veloce asciugatura ne fanno un prodotto di largo uso. Si può rallentarne l'asciugatura con una moderata aggiunta di glicerina.
Caratteristiche della pittura acrilica sono la rapidissima asciugatura, facile stesura e la traslucidità una volta asciutta. Il difetto degli acrilici è quello di non permettere la tecnica della sfumatura, come viene eseguita nella pittura ad olio. Infatti, la sfumatura con gli acrilici avviene a tratti, a gradini permettendo il passaggio da un tono all'altro, oppure con successive velature di colore diluito che vengano stese su colore asciutto. I colori acrilici sono tranquillamente mescolabili fra loro e come diluente è preferibile semplice acqua, utilizzabile anche per cancellare, prima dell'asciugatura, parti di colore.
Caratteristica fondamentale dei colori acrilici, che li differenzia dalle tradizionali tempere, è la loro indissolubilità una volta asciutti. È necessaria pertanto una accurata pulizia dei pennelli terminato il lavoro; è da evitare che il colore asciughi sui pennelli, i quali devono essere sciacquati in acqua e asciugati. Se il colore si fosse seccato sul pennello, si può scioglierlo con alcol o diluente nitro.
Alcuni tipi di colori acrilici sono sensibili alla luce che li fa schiarire, come i colori rosso-violacei e blu-violacei, perché creati con pigmenti derivati da composti chimici organici fotosensibili, a questo fenomeno si ovvia con una lacca di resina acrilica con filtro UV che protegge tali colori.
Per gli altri colori non v'è necessità di fissativo, in quanto la resina acrilica che li compone li fa resistere alla luce e agli agenti atmosferici, smog compreso.

condividi Condividi