trovaci su altre piattaforme:   

home»MUSEI»Museo Casabianca

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile


Notice: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.museialtovicentino.it/home/modules/mod_rmfullslider/tmpl/default.php on line 13

Malo

Museo Casabianca

la storia

L'apertura del Museo risale al 1978, e fu resa possibile dall'offerta dell'edificio da parte della famiglia Morandi-Bonacossi e dalla disponibilità della collezione d'arte di Giobatta Meneguzzo. L’organizzazione di mostre, convegni, dibattiti, laboratori, concerti e spettacoli, si affianca a quella espositiva. A queste si aggiunge la produzione di cataloghi, libri, quaderni, multipli e stampe. Tutto questo ha consentito la realizzazione di un archivio importantissimo per numero di documenti conservati e per importanza dei contenuti.

L’edificio della Casabianca, datato tra il 1668 ed il 1700, è situato nell'asse viario preferenziale di Malo, in posizione di immediata evidenza. La sua solida massa compatta ed essenziale denota la funzione originaria di luogo di raccolta, lavorazione ed immagazzinamento dei prodotti agricoli della tenuta Montecio. L'aspetto e la tipologia della Casabianca palesano però i tratti di una concezione signorile e di una progettazione gentilizia, come si deduce dai soffitti a volta nei locali al piano terra, dall'ampio salone al primo piano su cui si affacciano le altre stanze, nonché dall'adiacenza caratterizzata da pilastri pesanti, regolari e di buona fattura. La denominazione "Casabianca" deriva dal suo rivestimento originario in marmorina, di cui purtroppo restano solo tracce.

 

torna alla pagina del museo...
condividi Condividi