trovaci su altre piattaforme:   

home»Articoli non categorizzati

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile

Vivi Weekend 2016

da agosto a ottobre 2016

NEWSLETTER 211x145 2015

VIVI Weekend è un'occasione per vivere il terriorio in compagnia, grazie a proposte non convenzionali e di qualità: occasioni per immergersi nel paesaggio, avvicinarsi alla natura, alla storia, all’arte, alle tradizioni.

VIVI Weekend è un’offerta per vivere un fine settimana di intrattenimento culturale e divertimento soggiornando in occasione di una importante manifestazione realizzata nei Comuni aderenti. I musei si fanno promotori dell'invito a visitare il territorio, con proposte orientate alla scoperta della storia e delle tradizioni, così come del paesaggio, in particolare durante i trekking.

Il risultato è un fine settimana all’insegna della cultura e del divertimento, privilegiando l’emozione e l’apprendimento informale.

L’Ufficio Musei Altovicentino ha curato il coordinamento delle iniziative organizzate dai singoli comuni, ottenendo il patrocinio di Expo', della Regione del Veneto e della Provincia di Vicenza.
Il programma, è disponibile con un PDF interattivo e aggiornato su facebook.

PROGRAMMA

Apriremo per voi i musei con visite in esclusiva, vi faremo entrare in vecchi laboratori produttivi, sperimentare con le vostre mani antichi mestieri, incontrare testimoni del nostro tempo, assaggiare i prodotti che la terra ci offre, così da regalarvi un’esperienza appagante e piacevole.

Valli del Pasubio, 6 e 7 agosto
La Festa dei Cimbri: il tesoro degli antenati

Malo - Tonezza del Cimone, 3 e 4 settembre
Trekking sul Cammino Fogazzaro-Roy

Nove, 10 e 11 settembre
Festa della Ceramica. Portoni Aperti

Valdagno, 16 e 17 settembre
Ultrasuoni. Youth 4 human right

Valdagno - Santorso - Schio, 24 e 25 settembre
History trekking con pranzo romano

Tonezza del Cimone, 2 ottobre
FESTIVAL DEI MUSEI

San Vito di Leguzzano, 8 e 9 ottobre
Fiera d'autunno tra colori e sapori

Schio, 15 e 16 ottobre
Dalla montagna alla città

Asiago, 22 e 23 ottobre
Asiago folliage

Vai al PDF interattivo.
Scarica il programma.

I programmi potrebbero subire variazioni, in particolare in caso di maltempo o tempo incerto.
Gli organizzatori declinano ogni responsabilità per quanto possa accadere a persone e/o a cose prima, dopo o durante la manifestazione. Si raccomanda di indossare abbigliamento adeguato.

La prenotazione è obbligatoria per i trekking e la quota va versata al momento dell'iscrizione.
Per pernottare durante i fine settimana contattare gli uffici turistici dei comuni ospitanti o consultare il nostro sito alla sezione home/i_comuni o contattare gli uffici turistici dei comuni ospitanti.

VIVI Weekend è un’iniziativa coordinata da Musei Altovicentino, per promuovere il territorio oltre il museo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | tel. 0445 580459

 

Forti, cimiteri di guerra, sacrari

OSSARI, SACRARI, CHIESE E CIMITERI

 

RECOARO TERME, MONUMENTO AI CADUTI

unnamed 2L'opera è situata nella piazza Dolomiti (ex Vittorio Emanuele) e rappresenta l'Alpino in vedetta, realizzato nel 1922 dallo scultore recoarese Ugo Pozza.

 

Leggi tutto

Musei a cielo aperto 2015

NARRARE LA GRANDE GUERRA NELL'ALTO VICENTINO. 
ATTRAVERSO I PAESAGGI, LE TESTIMONIANZE E I RICORDI

 Iniziativa realizzata con il contributo della Regione del Veneto, ai sensi della legge regionale 11/2014, art. 9, nell’ambito del programma per le commemorazioni del centenario della Grande Guerra 

 

 
Musei a Cielo Aperto è un'iniziativa coordinata da Musei Altovicentino per conoscere il territorio, oltre il museo. 

E' un calendario di appuntamenti con proposte su misura per una giornata da trascorrere all'aria aperta con attività aggregative di tipo culturale. Le nostre proposte possono essere organizzate in date diverse per gruppi o classi, contattando l'Ufficio Musei Altovicentino

PROPOSTE:

- domenica 13 settembre 
RECOARO TERME L'anello di Campogrosso

 - domenica 20 settembre 2015
LUSIANA Monte Corno: tra parole, trincee e fiori

 - domenica 27 settembre 2015
ROTZO Viaggiare nel tempo da Forte Campolongo al Villaggio Bostel 

 - domenica 4 ottobre 2015
SANTORSO Monte Summano: terre di confine

 - domenica 11 ottobre 2015
VALLI DEL PASUBIO Monte Pasubio: la montagna, le gallerie e la strada

 - domenica 18 ottobre 2015
ROANA Sui passi dei soldati

 - domenica 25 ottobre 2015
TONEZZA DEL CIMONE Monte Cimone e i suoi soldati 

coverFB 1042x1042 MCA2015

Narrare la Grande Guerra nell'alto vicentino

La Guerra è evento totalizzante e complesso, soprattutto quando si tratta di una guerra mondiale, che si è meritata l'appellativo di Grande. Coinvolge le persone, non solo i popoli, ma non tralascia neppure gli animali, le piante, il paesaggio.
Alla fine quello che resta è la memoria, tracce che attestano il vissuto e da cui è doveroso trarre insegnamento. La memoria va conservata per superare l'apparenza di quanto accaduto, per alimentare il dialogo, forse l'unico strumento che ci aiuta a superare i conflitti senza causare orrori.
Il territorio dell'alto vicentino è stato linea di fronte, le popolazioni di questa terra allora di confine sono state coinvolte, la vita è stata sconvolta: la vita dei bambini, delle donne e degli uomini, ma anche quella degli animali e delle piante; il paesaggio è stato profondamente inciso da questo rovinoso evento.
Musei Altovicentino ha scelto il registro della narrazione per far ricordare la Grande Guerra alle nuove generazioni, per portare l'attenzione sui fatti e le situazioni, anche le più quotidiane, che questa guerra ha prodotto, e dare voce a quelle testimonianze che fanno sentire ancora attuale, quasi presente, il dramma di chi 100 anni fa l'ha vissuta.
L'offerta educativa, che rivolgiamo agli studenti, si propone di alimentare un ricordo fecondo, attraverso le memorie individuali e collettive della Prima Guerra Mondiale. Non solo gli eserciti sono stati protagonisti, ma tutti i civili, a cominciare dalle famiglie, che avevano i figli o i mariti al fronte, alle fabbriche che dovevano riorganizzare la manodopera, coinvolgendo donne e ragazzi; vogliamo raccontare le prime linee, il loro avanzamento dentro gli abitati, costringendo chi li abitava a lasciare le loro case, le difficoltà di far arrivare gli approvvigionamenti ai soldati della prima linea, cosa mangiavano, come si vestivano e chi lavorava per produrre tutto questo, con quali difficoltà; rievocare anche i sentimenti, le emozioni, i conflitti, che hanno provato i soldati lontano da casa, dentro le trincee, dar voce a questo diffuso bisogno di raccontare i giorni della guerra, che possiamo ancora leggere nelle lettere inviate a casa o nei diari.
Agli studenti di oggi per narrare la complessità della Grande Guerra nell'alto vicentino, far conoscere cosa è stata e quali gli strascichi, che ci ha lasciato, abbiamo scelto quattro episodi che abbiamo tradotto in altrettanti temi, da cui sono scaturiti 4 laboratori da proporre alle scuole di diverso ordine e grado.
Siamo partiti dal presupposto che la Guerra è memoria, una memoria collettiva, fatta di storie, di oggetti quotidiani, di armi, di fame e freddo, di lutti, di eroi, di traditori; ci proponiamo di coinvolgere l'interesse degli studenti di oggi nei confronti di queste vicende e la complessità dell'evento e intendiamo farlo attraverso l'enucleazione di parole chiave, la visione di documenti d'epoca ufficiali e privati, nonché sollecitando il più possibile il loro intervento e riflessioni da parte loro.

STRADA DELLE 52 GALLERIE: LUCE E BUIO IN PASUBIO
“Resterà la memoria delle cose ardite”

PANNI DI LANA, SCATOLE DI LATTA E MUNIZIONI
Le fabbriche dell'Alto Vicentino al servizio della Grande Guerra

I CIVILI IN FUGA DALLA GUERRA
Abitare la linea del fronte: quando la guerra entra in casa e ti obbliga ad andartene … per poi fare ritorno.

VITA DA SODATO
Paura, coraggio e disciplina

La Guerra nelle prealpi vicentine

Iniziativa realizzata con il contributo della Regione del Veneto, ai sensi della legge regionale 11/2014, art. 9, nell'ambito del programma per le commemoraizoni del centenario della Grande Guerra.

L'allto vicentino è stato zona di guerra e il patrimonio culturale sulla Grande Guerra facente capo a Musei Altovicentino contempla importanti risorse, eredità che spiccano per qualità e quantità del materiale disponibile, visto che i nostri monti sono stati tra i protagonisti degli eventi bellici di quel periodo e che nel tempo hanno assunto un rilievo importante dal punto di vista della ricerca storica e dell’offerta culturale.
In occasione dei 100 anni dall'avvio del conflitto è stato avviato un processo di sistematizzazione delle conoscenze del patrimonio e di alcuni dei servizi per una maggiore e più consapevole fruizione da parte del pubblico, dando vita a laboratori per le scuole, occasioni di incontro e di visita dei luoghi interessati, definendo itinerari e calendari con visite guidate.
L'iniziativa è realizzata grazie al contributo della Regione del Veneto ai sensi della L.R. 11/2014, art. 9 nell'ambito del programma per le commemorazioni del centenario della Grande Guerra.

Scarica la BROSSURA interattiva in PDF: passando sui testi con il mouse si attivano i link che rimandano al sito.

Vai al calendario eventi 2016

Grande Guerra da web

NARRARE LA GRANDE GUERRA

Con il 2015 le celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra coinvolgono direttamente anche l'Italia. E' questa un'occasione per ricordare e celebrare un evento, che ha trasformato i territori, gli equilibri, ma anche le popolazioni, le famiglie, i singoli individui. A un secolo di distanza è possibile riflettere sul suo significato, tornare sui luoghi fisici delle battaglie, rileggere le carte e riguardare le fotografie in bianco e nero, promuovendo la conoscenza dei fatti, dei valori umani e civili.

Scarica il progetto

 

logo grande guerra scuola

LA GRANDE GUERRA NARRATA ATTRAVERSO PAESAGGI, TESTIMONIANZE E RICORDI

Musei Altovicentino ha scelto il registro della narrazione per far ricordare la Grande Guerra alle nuove generazioni, per portare l'attenzione sui fatti e le situazioni, anche le più quotidiane, che questa guerra ha prodotto, e dare voce a quelle testimonianze che fanno sentire ancora attuale, quasi presente, il dramma di chi 100 anni fa l'ha vissuta.
Agli studenti di oggi per narrare la complessità della Grande Guerra nell'alto vicentino, per far conoscere cosa è stata e quali gli strascichi, che ci ha lasciato, abbiamo scelto quattro episodi tradotti in altrettanti temi, da cui sono scaturiti 4 laboratori da proporre alle scuole di diverso ordine e grado.

Sceda di presentazione

Vai ai dettagli dei laboratori

Modulo di adesione (potrebbero esserci difficoltà a visualizzare il modulo se stai navigando con Internet Explorer, per cui ti invitiamo a usare un diverso browser).

FB logoMUSEIALTOVICENTINO 300x300

 

MUSEI DEDICATI ALLA GRANDE GUERRA 

Una vasta rete di  musei e collezioni locali dedicati alla Grande Guerra si presenta come l'occasione  migliore per mettere in relazione quanto conservato con il paesaggio di appartenenza.
Ciascun museo risponde all'esigenza di approfondire questa pagina della storia attraverso cimeli, documenti, fotografie, equipaggiamenti, ricostruzioni di ambienti, strumentazioni, che approfondiscono un tema specifico, oltre ad offrire un inquadramento generale dell'evento bellico.

 Vai alle schede dei musei

 

itinerari


ITINERARI TRA 
TRINCEE, FORTI E POSTAZIONI

L'Alto Vicentino è un museo a cielo all'aperto: luoghi, che, grazie a importanti interventi di recupero, sono in grado di testimoniare le vicende che qui hanno avuto luogo un secolo fa. I percorso variano per tematiche proposte e per difficoltà e durata, lasciando a tutti la possibilità di andare sui luoghi, scenario di questa pagina di storia.

vai alle schede degli itinerari

Vai alla schede dei monumenti e testimonianze

 

  GLI AVVENIMENTI PIU' IMPORTANTI: LINEA DEL TEMPO

  SCARICA L'OPUSCOLO

condividi Condividi