trovaci su altre piattaforme:   

home»MUSEI»Archeologia e storia»Museo Archeologico dell’Alto Vicentino

[Versione grafica del sito] Passa alla versione accessibile

Santorso

Museo Archeologico dell’Alto Vicentino

il museo

Il ricco patrimonio archeologico dell’Alto Vicentino, con reperti che datano tra il tardo Neolitico e il basso Medioevo, si svela nel Museo Archeologico di Santorso. Il visitatore sperimenta le antiche attività dell’uomo, grazie a riproduzioni di oggetti preistorici e di un telaio preromano, ritrovamento degli scavi archeologici a Santorso.

L’esposizione di falcetti, asce e frecce preistoriche, vasi e stampi di fusione si integra perfettamente con le riproduzioni di attrezzi e di un telaio verticale preromano, ricostruito sulla base dei resti emersi dagli scavi archeologici a Santorso.

Le collezioni, esposte in ordine cronologico, sono suddivise in tre sezioni: la prima offre una panoramica dei siti dell'Alto Vicentino (Sarcedo, Lusiana, Santorso, Schio, Piovene Rocchette, Bostel di Rotzo) dal Tardo Neolitico alla II Età del Ferro; la seconda presenta importanti reperti dell'antico villaggio di Santorso (VI-II sec. a.C.), riproponendo un itinerario ricostruttivo della “casa-laboratorio”, la sezione ospita anche la riproduzione di un telaio verticale perfettamente funzionante ad uso del visitatore; la terza sezione è dedicata all'età romana e basso-medievale con materiali della prima romanizzazione, alcuni tesoretti di monete rinvenute in un'abitazione del III secolo d.C. A Santorso, i corredi della necropoli tardo-romana di Sarcedo (IV secolo d.C.) fino ai più recenti materiai medievali provenienti da Grotta Bocca Lorenza.

Il museo si presenta come una "realtà viva" che interagisce con il pubblico, un libro aperto in cui gli oggetti narrano la loro storia e quella delle mani che li hanno creati.
Il visitatore, più o meno esperto, viene accompagnato in questo viaggio nel tempo da un operatore del museo che si fa traduttore del linguaggio delle cose che parlano del paesaggio e delle sue materie prime, ma anche di mani laboriose che dal territorio hanno saputo trarre nutrimento e ricchezza, favorendo lo sviluppo insediativo di allora e, in parte, anche di oggi.

 

torna alla pagina del museo...
condividi Condividi